Friday, 17 May 2013

Day #101

Tragedy.
God, I don't even want to talk about it. I did it; after two months of working at the restaurant, I eventually did it: tonight I spilled some soup on a customer's shoulder. God, I feel awful about it. He was very kind, told me not to worry, that we are in Australia here and that it was kind of okay for me to do that - what? - but still, I couldn't have been more mortified. 
I'm so stupid, I was so busy worrying about balancing the two dishes I was carrying with my left arm that I did not notice the seafood stew I had in my right hand was slowly spilling out of the brim. If I hadn't been bringing three dishes at that time I might have facepalmed myself. So. Awkward. Jeesh, I still feel so bad for the poor old guy. He was so nice about it all and I freaking poured hot soup on him. 
I knew there would have been a first time, but the thought doesn't cheer me up. And I know I should be glad he didn't complain or went to talk to Davina about it, but still, I can't help feeling ashamed and sorry. 

The rest of the night was good, we were pretty busy at the restaurant and Tunda and I got nice enough tips. Pretty much everybody complimented us on the service, I bet the soup guy didn't. Ok, I'll just stop writing for today because I'd rather just sulk on the stew business on my own than rant about it on here.

Tragedia.
Oddio, non voglio neanche parlarne. L'ho combinata, dopo due mesi che lavoro al ristorante alla fine l'ho fatto: questa sera ho rovesciato della zuppa sulla spalla di un cliente. Mamma mia, mi sento male solo a pensarci. Il tipo è stato gentilissimo, mi ha detto di non preoccuparmi, che qui siamo in Australia e che è quasi normale che sia successo - cosa? - ma comunque, io non potrei sentirmi più mortificata.
Sono così stupida! Ero così preoccupata a tenere in equilibrio i due piatti che portavo con la sinistra che non mi sono accorta che il brodetto di pesce che avevo nella destra stava lentamente scivolando verso il bordo del piatto. Se in quel momento non fossi stata occupata con tre piatti, probabilmente mi sarei fermata e mi sarei data un facepalm dritto sugli occhiali. Così. Imbarazzante. Mi dispiace un casino per il signore, è stato così carino rispetto a tutta la faccenda e io gli avevo appena finito di rovesciare addosso zuppa bollente!
Sapevo che ci sarebbe stata una prima volta, ma il pensiero non mi conforta. E so anche che dovrei essere lieta del fatto che non si sia lamentato piuttosto che sia andato a parlarne arrabbiato con Davina, ma in ogni caso non riesco a smettere di sentirmi imbarazzata e dispiaciuta.

Il resto della serata è andato bene, il ristorante era al completo e io e Tunda abbiamo portato a casa delle mance decenti. Quasi tutti ci hanno fatto i complimenti per l'ottimo servizio. Sono sicura che il tipo della zuppa non era tra questi - Okaaaaay, direi che per oggi è tutto. Smetto di scrivere perché a questo punto preferisco deprimermi in silenzio piuttosto che tediarvi con i miei sensi di colpa.