Sunday, 3 February 2013

-3 days

First day in London. And let me say it: what a day!
It started off with my flight, of course. But that was nothing, really. All went smoothly even though  sometimes the plane made some funny noises that kind of made me chill.

All good in the airport too. See, today I landed at Heathrow Terminal 5, but since on Tuesday I will be flying out from Terminal 4. Now, since I didn't want to drag around London my super-heavy checked-in luggage, I thought of dropping it at Ter 4 to accelerate everything on my leaving day. What happened is that the bus I took to transfer from one terminal to the other felt like a roller-coaster! Gosh, it turned always so swiftly and suddenly that I could hardly manage my two ginormous bags. Nearly fell once.

Once I got to the right terminal I went straight to the Luggage Drop Off Office and this indian guy just told me that I wasn't in the right place. That the freaking machine to wrap-up luggage wasn't working and that I had to go to the office upstairs. What I did, then, was going upstairs with all my bags and ask the other guy in the other office. He told me I had to store everything in the office at the groundfloor and for the second time I had to take my not-so-ligh suitcase downstairs.

I managed eventually to drop my suitcase, in case you were wondering and from there I got back to Heathrow Central where I could get on the tube.
My luck seemed to have come around when I saw this really cute guy sitting across from me- kind of reminded me of Jonathan Rhys Meyers, but even cuter. So, as I was saying, I was listening to my iPod when I noticed that he'd taken out his cellphone. I turned off the music because I wanted to hear his sexy british accent when he started speaking guess what - Italian! What a bummer! ahah

Cute guy aside, I got down at South Kensington thinking of taking the Circle or District line towards Sloane Square - to get my freaking JOHN GREEN TICKET!!!
Lately Circle and District have been closed on Sundays, and guess what - this weekend they closed it on Saturday too. Awesome, isn't it?

And why did they close it, you may wonder? Because some college students decided to show their support to New Zealand by parading in funny costumes while drinking beer all around the City!
Long story short.. after a long walk and a couple of different buses I got my ticket and at ten to five, GMT, I got to the hostel.

First thing I did as I got here was turning on my laptop. It was late, I didn't really feel like eating or going out at all.. So I just hung out in the kitchen where I can type while sitting straight - I won the lowest bed on a bunk of three.

Primo giorno a Londra e fatemelo dire: che giornata!
Naturalmente è inziata con il volo. Ma quella è stata davvero una passeggiata, nonostante ogni tanto si sentissero dei rumori strani provenire dall'aereo che facevano accapponare la pelle.

Anche l'arrivo in aeroporto è andato bene. Vi spiego, oggi sono atterrata a Heathrow terminal 5, mentre martedì partirò dal terminal 4. Ora, visto che non volevo portarmi dietro il mio valigione per tutta Londra, ho pensato bene di lasciarlo in deposito per qualche giorno direttamente al terminal dal quale partirò per potere accellerare la faccenda. Innanzitutto, il pullman che fa da transfer tra terminal sembrava un otto volante: le curve prese tutte in velocità e all'ultimo momento, col risultato che mi sono ritrovata più volte a dover strattonare le valige per evitare che facessero il giro del bus. Una volta sono quasi caduta io!

Quando finalmente sono arrivata al giusto terminal, sono andata subito all'ufficio che si occupa di tenere i bagagli, solo che l'impiegato al bancone - questo tizio indiano che vi giuro, mi ha ricordato perché gli indiani è meglio perderli che trovarli - mi ha detto che ero nel posto sbagliato. Che dovevo andare al piano di sopra dal suo collega. Ovviamente io eseguo, arrampicandomi sulle scale mobili con le mie valige che a quel punto erano fin troppo ingombranti, e una volta al famoso ''piano di sopra'' mi si dice di tornare giù. Stavo già dando sui nervi, a quel punto.

Alla fine sono riuscita a fare anche quello però. Ho lasciato giù la valigia da 20 chili e, vi dirò, mi sono sentita alleggerita! Armata di soli bagagli a mano ho preso un treno che mi ha trasferito a Heathrow Central e non vi dico con quale gioia ho letto il cartello ''Underground'' che indicava l'entrata per la metropolitana.
Sulla metro, la mia fortuna è sembrata girare quando mi sono accorta che seduta di fronte a me c'era un ragazzo davvero carino, assomigliava un po' a Jonathan Rhys Meyer, ma più giovane e a mio parere più bello. Comunque, quando ad un certo punto tira fuori il telefono decido di spegnere la musica che stavo ascoltando sul mio iPod per gloriarmi del suo sexy accento inglese. Inizia a parlare ed è italiano. Stavo per mettermi a ridere.

Va be, tizio carino a parte. Scendo a South Kensington connettermi con le linee Circle e District che servono il centro centro - per non parlare delle uniche due fermate che mi servono veramente in questi tre giorni, vedi prendere I BIGLIETTI PER JOHN GREEN - e mica le trovo chiuse?
Ora, questo me lo aspettavo domani: già da Settembre stavano facendo dei lavori per migliorare le linee e la domenica di solito queste due le tenevano chiuse, ma oggi non me lo sarei aspettato proprio!
Perché poi?